Liebster Award

 

liebsteraward

Ringrazio il blogger Antonio di Suonala ancora Sam per avermi nominato per il Liebster Award.

Chi nominerò e vorrà a sua volta partecipare dovrà :

Ringraziare chi lo ha nominato pubblicando il link del suo blog, rispondere alle 10 domande poste da quest’ultimo, nominare 10 blog ai quali porre altre 10 domande, e ovviamente informare i nuovi nominati.

Di seguito le domande che mi ha rivolto Antonio :

Una personale definizione di cinema

“Il cinema è la magia che trasporta la visione di una mente a tante persone, che a loro volta ne percepiscono una propria visione, un propria verità. Riflettendo, ridendo, piangendo o temendo… emozionandosi di fronte ad un film ci si mette a nudo con se stessi.”

Ti attira ancora l’idea di un film visto nel buio di una sala cinematografica, anche “vissuta” (dagli sgranocchia popcorn ad oltranza,ai vari commenti fuori luogo per scene gradite o meno) o sei fra coloro che prediligono una visione domestica (pigiamone di flanella, birra ghiacciata e frittatona di cipolle, stile Fantozzi), spaparanzato sul divano di casa?

“Sala cinematografica vecchio stile ovviamente. Quello è il vero cinema. Un film non si può apprezzare o capire veramente sulla poltrona di casa propria. ”

Un autore cinematografico sopravvalutato …

“Nonostante i suoi film mi piacciono e non poco, credo in ogni caso che ultimamente David O.Russel sia un po’ troppo sopravvalutato.”

… ed uno sottovalutato

“Non saprei…in questo momento mi viene in mente Sidney Lumet.”

Una breve considerazione sul cinema italiano, magari pensando più all’abbandono dei vari generi, commedia a parte, che al cinema d’autore propriamente detto.
Cosa manca ancora per ritrovare i fasti di un tempo?

“Forse manca il coraggio… In Italia si produce(ovviamente ci sono eccezioni) solo ciò che fa il soldo facile. Un po’ sta a noi spettatori far capire ai produttori ciò che vogliamo vedere, d’altra parte se i produttori avessero più coraggio e proverebbero a guardare altrove, forse capirebbero che è proprio da ciò che non siamo più abituati a vedere che può rinascere il cinema.”

Ed ora passiamo al cinema straniero, americano in particolare, noti qualche nuova ispirazione oppure ritieni che vi sia una riproposizione di schemi già noti e rodati?

“L’ America è talmente vasta che anche se ci sarà sempre un the advengers in più, ci sarà comunque un Denis Villeneuve pronto a sfornare ottimi film o un Derek Cianfrance a farci emozionare. Sul resto del mondo poi, è talmente pieno di capolavori…”

Un autore/attore italiano che vorresti vedere più attivo…

“Mi piacerebbe che un grandissimo attore come Tony Servillo recitasse in più film.”

…ed uno straniero

“Vorrei vedere più film di Malick, ma forse la sua grandezza sta proprio in questo…”

La distribuzione in Italia: privilegiati i soliti idio… ehm, pardon, i soliti noti?

“Vale il discorso che ho fatto prima sul cinema italiano e sul coraggio.”

Domanda finale “animata”: siamo tutti Paperino?

“Putroppo ci sono anche dei Zii Paperone che se ne fregano dei Paperini…”

 

E ora nomino i 10 blogger :

Heuresabbatique

Scatenolamente

Eterit

Bruca90

Pegappp

Ombradiunsorriso

Robyus84

Martisorrentino

Deermoonsky

Quentintarantino858

 

Ed ecco le 10 domande per i nominati:

Cosa ti ha spinto a creare un blog?

Qual’è il tuo regista cinematografico preferito (che a volte può non coincidere con il migliore) e perché?

Qual’è il tuo/la tua cantante o band musicale preferita?

Qual’è la tua città preferita?

Qual’è il tuo piatto gastronomico preferito?

Cane o gatto(o tutti e due come me :-))?

Se potessi intervistare un personaggio famoso a tua scelta chi sceglieresti?

Se si rigirasse “Psycho” quale attore moderno potrebbe sostituire Anthony Perkins?

E chi potrebbe dirigerlo?

Qual’è l’ultimo film che hai visto? Ti è piaciuto?

 

Terminano qui le 10 domande. Grazie ancora ad Antonio per avermi nominato.

Buona Pasqua a tutti!🙂

 

 

 

Citazione cinematografica della settimana – La grande bellezza, 2013, di Paolo Sorrentino

lagrandebellezza

Andrea : Il fatto che tu non abbia capito non significa che nessuno possa capire.

Citazione cinematografica della settimana – Blow-up, 1966, di Michelangelo Antonioni

Blow_Up_cit

Jane : Questo è un luogo pubblico, la gente ha diritto di essere lasciata in pace!
Thomas : Non è colpa mia se non c’è pace, molte ragazze mi pagherebbero per una foto, lo sa?

Citazione cinematografica della settimana – The Blues Brothers, 1980, di John Landis

The_Blues_Brothers_cit

 

Jake : Ho visto la luceeee!!!

Citazione cinematografica della settimana – Il fascino discreto della borghesia, 1972, di Luis Buňuel

Fascinodiscretoborghesiacit

Colonnello : Detto fra noi io della Repubblica di Miranda altamente me ne sbatto…
Rafael : E io…defeco sul vostro esercito nella sua totalità.

Citazione cinematografica della settimana – Tootsie, 1982, di Sydney Pollack

Tootsie cit

Jeff: Arrostirai all’ inferno per quello che stai facendo.
Michael: Io non credo nell’ inferno, credo nella disoccupazione.

Tutto torna – spot cortometraggio sul rispetto per l’ ambiente

Ciao a tutti. Vi sono piaciuti i Golden globe? (io sono molto contento per Di Caprio che viene troppo spesso snobbato!)

Ma cambiamo argomento. Ho realizzato uno spot che attualmente partecipa al “Respect video contest” indetto dalla Telecom Italia.

https://www.youtube.com/watch?v=UaEzj_drwfE

Voglio condividere con voi questo spot realizzato in mezza giornata e senza soldi (ovviamente il materiale tecnico è di mia appartenenza e qualcosina col tempo mi è costata :-)!)

Mi sono divertito molto nel realizzarlo, soprattutto nella regia e nel montaggio, le due fasi che più mi divertono.

Per il concorso andava realizzato uno spot/cortometraggio che rispettasse la durata di un minuto e che mostrasse delle buone azioni quotidiane.

Aprite il link youtube e ditemi cosa ne pensate! https://www.youtube.com/watch?v=UaEzj_drwfE

E’ un piacere per me condividerlo con voi!

Ah! Vi invito a segurmi sulla mia nuova pagina facebook  https://www.facebook.com/eugenio.campisano

Alla prossima!

Citazione cinematografica della settimana – Videodrome, 1983, di David Cronenberg

Videodrome cit

Masha : Videodrome ha qualcosa di perverso che tu non hai Max, ha una sua filosofia…ed è questo che lo rende così pericoloso.
Max : Quale filosofia? Di chi? Dovrà esserci un nome! Dimmi con chi ne posso parlare. Masha mi conosci da tanto, ti tengo fuori dai pasticci sta tranquilla.
Mascha : Max…tu dovrai essere molto carino con me se vuoi che parli…
Max : Possiamo fare la doccia insieme, dove e quando ti pare…
Masha : Ah ah ah…immagino che sarebbe una cosa dolce e indimenticabile, però…tu sei troppo anziano per i miei gusti…

I 5 film del 2014

Questa settimana sostituirò la consueta citazione cinematografica con la lista dei 5 film del 2014 che secondo me vanno assolutamente visti.

Vado.

  • AMERICAN HUSTLE

american-hustle 0

Visto ieri. Non aspettatevi un film originale o il capolavoro dell’ anno. Vi assicuro però che le interpretazioni magistrali di tutti gli attori, le scene intense ed esilaranti, la regia attenta e al servizio degli attori, ne fanno un gran film dove calarsi pienamente per poi uscirne fuori consapevoli di aver vissuto dal primo all’ ultimo minuto del film una storia intensa, esplosiva e, soprattutto, viva.

  • THE WOLF OF WALL STREET

wolf-of-wall-street 0

Il ritorno di Scorsese nel cinema degli eccessi. Un DiCaprio che, a detta di tutti, non è mai stato così ironico e scintillante. Un film che promette davvero tanto.

  • A PROPOSITO DI DAVIS

inside-llewyn-davis 0

Qui pare che i fratelli Coen hanno espresso al meglio tutto il loro stile, la loro poesia, la profondità dei personaggi… il tutto incorniciato in una fotografia ammirevole.

  • HER

spike-jonze-her 0

Questo Spike Jonze regista e sceneggiature e questo Phoenix dallo sguardo sognante  promettono bene.

  • INTERSTELLAR

interstellar 0

Il ritorno di Nolan. Grande cast, grandi temi, grandi scene. Un film ambizioso che attendo con estrema curiosità.

E per voi quali sono i film del 2014?

Commentate…alla prossima e buon anno cinefilo!

Citazione cinematografica della settimana – L’uomo che sapeva troppo, 1956, di Alfred Hitchcock

themanwhoknewtoomuchcit

Hank (il bambino) : A scuola si dice “il continente nero”…e invece c’è più luce qui che a indianapolis!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 725 follower